Corso di Python: per cosa viene utilizzata questa programmazione oggi

0
300
Cropped image of It specialist working on code

Durante gli ultimi due anni causa pandemia, il mondo dell’e-learning ha preso sempre più piede: tante persone hanno ottimizzato i tempi per poter migliorare il proprio CV. Sono molti i professionisti che hanno scelto di seguire alcuni corsi di formazione specifici, così da andare ad aumentare le proprie competenze e rendersi molto più competitivi sul mercato. Tra i settori di lavoro più richiesti ci sono quelli degli sviluppatori e dei programmatori, ecco perché oggi vogliamo parlarti del corso di programmazione Python: quali sono i suoi vantaggi, dove seguirlo e tutte le informazioni utili che possono servirti.

Cos’è Python

Il mondo informatico è fatto di tantissimi linguaggi, tra i più popolari c’è Python. C’è chi lo definisce uno dei migliori linguaggi per iniziare, perché completo ma anche intuitivo è davvero così? Python viene consigliato ai neofiti e ai principianti perché è un linguaggio completo ma allo stesso tempo intuitivo. Python viene apprezzato perché è in grado di applicarsi a diversi ambiti: ideale per siti web, software ma anche per intelligenza artificiale e calcoli scientifici, si adatta quindi alla programmazione di diverse tipologie ed è consigliato per principianti ma viene utilizzato frequentemente anche da esperti. Secondo le ultime statistiche, sembra aver preso il posto del popolare Java che veniva utilizzato nelle università di tutto il mondo.

Perché Python ha battuto Java? È stato progettato con lo scopo di non essere un linguaggio esclusivo ma più semplice da capire e soprattutto molto versatile. Il nome è tratto direttamente dall’omonimo comico inglese. Con una struttura che richiama la lingua inglese è davvero internazionale ed è facile da utilizzare anche per chi non è ancora molto pratico del settore.

Perché dovresti scegliere di programmare con Python

Sono diversi i motivi da prendere in considerazione:

–        Si applica a diversi campi. La sua versatilità non è un segreto tanto da aver preso il posto di Java per moltissime aziende; facile da utilizzare e versatile conquista il mondo dei programmatori ed è universale.

–        È ideale per principianti, ma non solo. Tra i tanti linguaggi informatici, Python è semplice da utilizzare, infatti molte persone che desiderano avvicinarsi a questa professione iniziano proprio da qui. La sua completezza gli permette però di conquistare anche sviluppatori più esperti.

–        È multipiattaforma. Questo significa che può essere eseguito su diverse piattaforme senza alcun bug. È decisamente un plus in informatica.

Per cosa si usa Python

Adatto a tutti, Python diventa uno strumento di programmazione accessibile e in grado di conquistare sia i principianti che gli informatici più esperti. Una delle sue caratteristiche principali però è la scalabilità; questo significa che un progetto iniziato con base Python può in futuro essere migliorato. Tra i campi di applicazione troviamo alcuni vantaggi: ci sono tantissime librerie ideali per migliorare i progetti e ottimizzarli, è perfetto per implementare l’apprendimento automatico e ti aiuta anche con agilità e scalabilità ad estrarre i dati necessari.

Perché scegliere Python?

Se stai pensando di buttarti nella carriera di sviluppatore devi sapere che Python è senza dubbio la base migliore da cui partire. La sua popolarità è in crescita, un nome del genere sul tuo CV può aiutarti fortemente ad essere assunto. Ma non solo: si tratta di un software gratuito ed open source, proprio come WordPress: questo significa innumerevoli vantaggi! Con un linguaggio di programmazione semplice ed in inglese è facile da leggere ma anche da utilizzare; l’ultimo motivo che abbiamo già accennato è senza dubbio la scalabilità.

Sbocchi lavorativi

Con un corso di Python e competenze comprovate puoi candidarti per diversi ruoli: come junior software developer o come mobile developer; come cybersecurity expert o analyst, come junior backend developer, full stack developer o anche come data analyst.